Chainlink: perché dovrei investire in questa criptovaluta?

Chainlink Link Marines GIF - Chainlink Link LinkMarines - Discover & Share  GIFs

 

L'attuale capitalizzazione di mercato di Chainlink è di 10,8 miliardi di dollari. Ciò la rende la quattordicesima criptovaluta più grande al mondo. 

Quindi, perché dovrei preoccuparmi di questa particolare criptovaluta? Ma, cosa più importante, perché dovrei spendere i miei sudati dollari su Chainlink? 

Prenderò in considerazione entrambe le domande.

Perché dovrei preoccuparmi di Chainlink?

Il ruolo di Chainlink nello sviluppo della tecnologia Smart contract DeFi potrebbe essere un vento favorevole per il suo token LINK. 

 

Chainlink espande notevolmente le capacità degli smart contract consentendo l'accesso ai dati del mondo reale e al calcolo off-chain, mantenendo le garanzie di sicurezza e affidabilità inerenti alla tecnologia blockchain.

Celsius Network, uno dei più grandi lenders di criptovalute al mondo, ha collaborato con Chainlink per aiutarlo a mantenere i suoi servizi finanziari decentralizzati. I servizi di Celsius includono il pagamento di interessi sui depositi di criptovalute e il prestito di criptovalute e dollari USA in base alle garanzie di criptovaluta fornite dai borrowers. 

Come piace dire a Celsius, "Unbank Yourself".

Quindi, è chiaro che l'audit trail dello smart contract creato per le operazioni di prestito di Celsius farà molto per creare fiducia con i clienti. Come dice l'annuncio, non ha prezzo. 

Perché dovrei comprare?

Questa è la domanda da un milione di dollari.

Il Co-fondatore di Chainlink Sergey Nazarov ritiene che l'ecosistema DeFi potrebbe valere $ 1 trilione entro la fine del 2022, rispetto alle stime tra $ 58 miliardi e $ 80 miliardi di oggi. 

Questa è una crescita seria. Se LINK dovesse beneficiare di tale crescita, è facile capire perché il suo prezzo attuale di $ 21 potrebbe sembrare economico ai suoi sostenitori. Tuttavia, non è una certezza che lo farà. Questo perché Chainlink ha concorrenza.

Nel novembre 2020,  API3 ha raccolto 3 milioni di dollari in finanziamenti iniziali in modo da poter sviluppare software open source per ridurre il costo dei dati Oracle e, nel processo, diventare una grande spina nel fianco di Chainlink. 

Il collaboratore di Decrypt Alexander Behrens ha dichiarato quanto segue in un articolo del 13 novembre 2020: 

Il round di finanziamento mostra che, nonostante il dominio di Chainlink, il problema dell'oracle è tutt'altro che risolto e che c'è ancora molto dibattito sul modo migliore per portare i dati del mondo reale in applicazioni decentralizzate.

Secondo CoinMarketCap.com , il token di API3 ha una capitalizzazione di mercato attuale di $ 40,98 milioni e una capitalizzazione di mercato completamente diluita di $ 295,8 milioni in base alla fornitura massima in circolazione. È ancora una frazione della capitalizzazione di mercato di Chainlink. 

Quindi, la domanda diventa una questione di valutazione. 

Chainlink è un acquisto migliore perché è il leader indiscusso negli oracles? Oppure vale la pena esplorare API3 perché sta cercando di correggere ciò che non funziona con i dati Oracle

Intanto

Da quello che posso dire, la pagina 1 del whitepaper API3 indica che i titolari di token che mettono in stake i loro token riceveranno una parte delle entrate dAPI (interfaccia di programmazione delle applicazioni decentralizzata), premi inflazionistici per lo staking e potenziali vantaggi aggiuntivi in ​​​​futuro. 

Dunque si presume che la compensazione di Chainlink non sia poi così diversa dall'API3. Pertanto, che le parti interessate ricevano una parte delle entrate future di Chainlink. 

Trovo interessanti le missioni di entrambe le organizzazioni, dunque non ci resta che passare ai grafici per capire cosa conviene e cosa no al momento.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER GRATUITA!