Mindthechart CryptoBLog ( Bitcoin, El Salvador, Fed, Investitori neozelandesi)

UNO SGUARDO ALLO STOCK! 

La Fed nei suoi sentimenti​

Tutti e quattro i principali indici hanno chiuso in negativo dopo che la Fed ha alzato le aspettative di inflazione. Il buon vecchio tappeto FOMC. 💔

Il Dow è sceso dello 0,77%, l'S&P 500 è scivolato dello 0,54%, il Naz ha perso lo 0,24% e il Russell 2000 ha ceduto lo 0,23%.

Ecco la mappa termica di oggi. Era dura là fuori...

Bitcoin ha perso il 4% a $ 38.500. $BTC non dovrebbe risolvere il problema dell'inflazione?? 🤣 $ETH è stato scambiato in ribasso del 5,65% a $ 2,400.

Timberr !! I futures del legname hanno perso oggi il 14,35%, chiudendo sotto i 1.000 dollari. 🌳🌲

$KIN ha guadagnato il 45,6%, $AVXL ha guadagnato il 21,5% e $VINO ha guadagnato il 95%. 🔥

 

Ecco le stampe di chiusura:

S&P500 4.223  -0,54%

Nasdaq 14,039 -0,24%

Russell 2000 2.314  -0,23%

Dow Jones 34.033 -0,77%

La Fed nei suoi sentimenti​

Ieri la Federal Reserve (la banca centrale americana) ha cambiato la sua tempistica per la crescita dei tassi di interesse a causa delle preoccupazioni per l'inflazione.

Durante la riunione di marzo, il Federal Open Market Committee (FOMC) ha deciso di mantenere i tassi di interesse a zero... e che non ci sarebbero stati aumenti dei tassi di interesse fino al 2024. Ma oggi, il FOMC ha detto che prevede " due aumenti nel tasso di interesse " nel 2023 . 😬

Ciò significa che la Fed dovrà ridurre il suo aggressivo programma di acquisto di obbligazioni per accogliere futuri aumenti.

Alcuni investitori hanno preso la notizia come un segno che è ora di fare i bagagli: tutti i principali indici sono crollati.

Fatto è che quando tutti gli indici crollano allunisono si scatena il panico. 

INDICE FUD E FOMO

  

Bitcoin e l’incontro della Fed

 Bitcoin continuerà la sua ripresa sopra i 40.000$ ?, 0 una potenziale bear flag settimanale potrebbe rovinare questi pronostici rialzisti.

Crucifix Reason God Death Life GIFs - Get the best GIF on GIPHY

L’attenzione del mercato si è spostata su due questioni centrali: i funzionari della banca centrale statunitense segnaleranno intenzioni di aumentare i tassi d’interesse nel 2023, invece del 2024? E quanto credono che aumenterà l’inflazione durante il resto del 2021 e l’anno prossimo?

Taper tantrum

A marzo, l’ultima proiezione della Fed ha visto 11 funzionari del Federal Open Market Committee (FOMC) concordare di mantenere i tassi d’interesse vicini allo zero almeno fino al 2023. Questo commento ha suggerito un irrigidimento della politica monetaria della Fed nel 2024. Inoltre, implicherebbe che la Fed potrebbe ridurre il suo programma di acquisto di asset da 120 miliardi di dollari prima del previsto.

Le prospettive di “taper tantrum” a medio termine si sono intensificate dopo l’ultima lettura dell’indice dei prezzi al consumo (CPI), l’indicatore preferito della Fed per misurare l'inflazione. I dati di aprile del CPI mostrano che l’inflazione è aumentata al 4,2%, mentre a maggio ha raggiunto il 5% per la prima volta dal 1992.

Nonostante ciò, la Fed ha sminuito i drastici picchi inflazionistici definendoli di natura “transitoria.” La banca centrale ha deciso di aspettare finché l’inflazione non raggiunge livelli più elevati prima di annunciare tagli dei tassi. Le proiezioni di mercoledì indicheranno quanto i funzionari attenderanno per il prossimo tapering.

Prospettive di crescita e di inflazione più rapide rendono un aumento dei tassi più probabile nel 2023

David Tawil, presidente di ProChain Capital, un fondo multi-strategy crypto newyorkese, crede che il sentiment della Fed nei confronti del mantenimento delle politiche espansionistiche cambierà dopo la riunione del FOMC di mercoledì.

Una prospettiva rialzista per Bitcoin

Le proiezioni dell’aumento dei tassi danno a Bitcoin almeno due anni per continuare la sua bull run anti-inflazione.

La criptovaluta di riferimento è emersa come l’asset più performante dopo il crollo del mercato globale avvenuto a marzo 2020, spinta dalle paure che le politiche di quantitative easing della Fed, abbinate a migliaia di milioni di dollari in aiuti economici del governo statunitense ai cittadini, avrebbero indebolito l’interesse degli investitori per obbligazioni governative e dollaro statunitense.

BTC/USD è esploso dal suo minimo di 3.858$ toccato a metà marzo 2020 fino al nuovo massimo di 64.898$ ad aprile 2021: una crescita del 1.582%. Nel frattempo, il rendimento del Treasury USA a 10 anni è aumentato dallo 0,36% di marzo 2020 all’1,774% di marzo 2021. I rendimenti si muovono inversamente rispetto ai prezzi delle obbligazioni.

Nello stesso periodo l’indice del dollaro statunitense, che ne misura la forza in relazione a un paniere di grandi valute estere, è crollato del 9,48%. Di recente, il mercato delle obbligazioni e il dollaro statunitense si sono ripresi grazie a forti proiezioni economiche negli USA post-riapertura.

Bitcoin (arancione), indice del dollaro statunitense (blu), e rendimenti del Treasury a 10 anni nel 2020 e 2021

Nick Spanos, fondatore di Bitcoin Center NYC, ha fatto notare che l’aumento dell’inflazione associato agli sforzi della Fed per mantenere i tassi d’interesse vicini all’attuale 0,25% offrono a Bitcoin ampie opportunità di riprendere la sua bull run.

Un altro fattore favorevole è il fatto che altri beni rifugio tradizionali, come le obbligazioni governative, offrono rendimenti storicamente inferiori. Allo stesso tempo, Bitcoin promette un tasso di crescita più elevato.

Spanos ha commentato:

"Dopo la pubblicazione del Fed Dot Plot di oggi, vedo una reazione temporale nel mercato crypto con un rialzo del prezzo di Bitcoin. In base a questo scenario fondamentale, un nuovo test del livello a 45.000$ sembra più probabile nei prossimi giorni.”

Anche Tawil ha presentato una prospettiva rialzista per Bitcoin, sottolineando che gli investitori continueranno a guardare la criptovaluta come “misura di sicurezza” contro un’inflazione più elevata:

“Se i critici legislativi e le celebrità riescono a tenere la bocca chiusa a proposito di Bitcoin (cosa poco probabile), BTC potrebbe raggiungere i 75.000$ entro la fine dell’anno.”

Doge-Lotta?? 🐶

Coinbase è uno dei più grandi exchange di criptovalute al mondo e sta listando  Shiba Inu per capitalizzare la popolarità di Memecoin .

La notizia arriva un mese dopo l'exchange quotato Dogecoin. $SHIB , a volte chiamato " Dogecoin Killer ", è spuntato del 30% in risposta. Problemi tecnici hanno ritardato il lancio, ma gli investitori dovrebbero essere in grado di negoziare e immagazzinare Shiba Inu la prossima settimana.

Ultimamente Coinbase ha aumentato la sua pipeline di quotazione grazie al crescente interesse per le criptovalute. A gennaio, Coinbase ha lanciato Asset Hub , una piattaforma per " emittenti di asset " per elencare le monete su Coinbase.

Questo significa che vedremo una '' Lotta dei Dogi ?'' 🐶 🥊 Forse è giusto dire che le valute scherzose non sono più uno scherzo.


Il governo di El Salvador discute su paghe in BTC, mentre importanti Bitcoiner incontrano il Presidente

Il governo di El Salvador sta realizzando il sogno del suo presidente Nayib Bukele di creare un'economia alimentata da Bitcoin (BTC)- con il governo che "discute" i piani per consentire alle aziende di pagare i dipendenti in BTC e con incontri preliminari con i giocatori internazionali di Bitcoin in corso.

 

Parlando con i media, Rolando Castro, Ministro Salvadoregno del Lavoro e della Previdenza Sociale, ha affermato che i ministri del governo stanno attualmente discutendo se le aziende del paese debbano pagare il personale in BTC, anche se in seguito ha annacquato l'affermazione.

Per La Prensa Gráfica, Castro ha detto ai giornalisti:

“[Pagare gli stipendi in BTC:] questo è un problema che sta venendo esaminato al momento. Ad analizzarlo sono il ministro delle Finanze e il ministero dell'Economia. […] A tempo debito ci sarà un incontro con l'intero gabinetto, […] ma è ancora troppo presto per poter progredire su questo punto”.

Su Twitter, Castro ha successivamente cercato di moderare i discorsi sulla retribuzione di BTC, scrivendo in risposta a un articolo dei media sui suoi commenti:

“Un chiarimento: in nessun momento ho [affermato che gli stipendi saranno pagati in BTC]. Alla domanda sulla questione, ho solo detto che era troppo presto per parlare di stipendi e che mi sto concentrando sulla ricerca di nuovi posti di lavoro e migliori [per i salvadoregni]. La questione monetaria è una questione per la parte del governo focalizzata sull'economia, di cui non faccio parte".

Nel frattempo, anche Bukele è stato impegnato, intrattenendo membri di spicco della comunità cripto. Il podcaster cripto Peter McCormack era tra i convocati per un incontro con il Presidente. E mentre Bukele era vestito in modo tipicamente elegante, molto è stato detto sull'abbigliamento di McCormack.

Il presidente ha scherzato dicendo su Twitter che parlare di "nuovi impianti di energia geotermica vulcanica con strutture per il mining di bitcoin, nonché "adozione di BTC come moneta a corso legale, inclusione finanziaria per milioni e sviluppo finale dell'umanità" ha superato di gran lunga le "riunioni del G7 senza magliette dei Metallica .”

Altri sono rimasti ugualmente colpiti dalla scelta dell'abbigliamento di McCormack.

Nel frattempo, anche il CEO dell exchange di criptovalute Paxful Ray Youssef è andato su Twitter per annunciare di essere "arrivato in El Salvador come parte di una "delegazione Bitcoin" e di essere stato accolto come un re grazie a El Presidente ".

Youssef ha pubblicato una sua foto con un ampio sorriso e affiancato da quattro poliziotti armati.

E negli Stati Uniti, Caitlin Long, fondatore e CEO di Avanti Financial Group, ha affermato che gli sviluppi in El Salvador stavano scuotendo le conversazioni legali in America. Ha detto che "El Salvador che rende bitcoin valuta legale ha già scosso gli Stati Uniti in modi che pochi ancora capiscono".

Long ha anche sottolineato che una bozza del Codice Commerciale Uniforme e del Comitato per le Tecnologie Emergenti conteneva una clausola che si riferiva a forme di denaro "immateriali".

Ha ammesso che questa "proposta non è ancora legge da nessuna parte", ma ha affermato che "si sta evolvendo rapidamente" e che "la nuova definizione lascia spazio al denaro basato sul conto (cioè le valute digitali della banca centrale e riconosce anche la "super-negoziabilità" per bitcoin."

Ma sembra che non tutti siano convinti che il piano di Bukele sia valido, con un importante pensatore economico che afferma che la legge sull'adozione di BTC è una "violazione dei diritti umani".

Secondo un rapporto separato di La Prensa Gráfica, Jonathan Menkos, presidente di lunga data dell'Istituto Centroamericano di Studi Fiscali (ICEFI) - una fucina di cervelli che conduce ricerche economiche e analisi tecniche relative alle questioni fiscali nella regione - ha attaccato la mossa di Bukele.

Menkos ha affermato che la volatilità di BTC rifletterebbe i rischi sul pubblico - se le pensioni e altri pagamenti statali venissero effettuati con il token, potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza finanziaria dell'intera nazione.

Menkos ha aggiunto:

"Non conosco nessuno vincitore di un premio Nobel che sia a favore delle criptovalute".

Ha continuato ad equiparare la mossa al "giocare con il fuoco" e ha affermato che la legge aveva poco senso in El Salvador, una nazione che già non aveva una politica monetaria a causa della dollarizzazione dell'economia, affermando: "E [Bukele] aggiungerà incertezza e metterà a rischio l'economia e i redditi delle persone”.

“Il desiderio condiviso degli umani è il desiderio di investire. Vogliamo investire in qualcosa di concreto, come un'auto, una casa, un'impresa, non in qualcosa che possa evaporare da un giorno all'altro. Per i salvadoregni, bitcoin [adozione] è una violazione del diritto umano al benessere e, naturalmente, a decidere cosa fare con le proprie risorse. Investire in una criptovaluta non è la stessa cosa che investire nell'economia reale, comprare una casa [...] o avere risparmi”, ha concluso il capo dell'ICEFI.

I neozelandesi vogliono Cripto e NFT nonostante la propensione al rischio sia diminuita

Gli investitori neozelandesi stanno prendendo sempre più in considerazione l'idea di investire in criptovalute e in token non fungibili (NFT), con il 19% degli intervistati che li sta "esplorando attivamente" come nuove opzioni di investimento tra le altre alternative, secondo un recente sondaggio condotto dal Financial Services Council, un associazione di categoria che rappresenta gli interessi del settore dei servizi finanziari del Paese.

Inoltre, il rapporto che riassume i risultati del sondaggio, in base al quale sono state raccolte le risposte da circa 2.000 neozelandesi lo scorso aprile, indica che il 9,5% di loro attualmente detiene criptovalute, rispetto al 3% di marzo 2020, mentre l'1,6% ha dichiarato di possedere NFT.

Inoltre, gli investimenti in criptovalute hanno visto una crescita più forte rispetto al sondaggio dello scorso anno, nonostante la propensione al rischio dei neozelandesi sia generalmente diminuita, secondo il sondaggio. "Dalla pandemia di Covid, le generazioni più giovani hanno maggiori probabilità di registrare colpi alla propria propensione al rischio, mentre le generazioni più anziane hanno meno probabilità di cambiare il modo in cui scelgono i loro investimenti", hanno aggiunto.

Tra tutti i segmenti della popolazione, le persone di età compresa tra 40 e 49 anni erano le più propense a possedere criptovalute, quasi il 15%, seguite da quelle di età compresa tra 18 e 29 anni, al 13,5%, come mostrano i dati del consiglio. Per gli NFT, l'asset è più popolare tra gli intervistati di età compresa tra 40 e 49 anni, al 3%, seguiti dai 50-59 anni, al 2%.

"Negli ultimi diciotto mesi abbiamo assistito all'incredibile ascesa dell'investitore digitale e la nostra ricerca ha rivelato che il 38,2% dei neozelandesi adulti attualmente utilizza, o prevede di utilizzare, piattaforme di microinvestimento. Si tratta di circa 1,5 milioni di kiwi (neozelandesi) e riflette un cambiamento radicale nel modo in cui scegliamo di investire i nostri soldi", ha commentato Richard Klipin, CEO di FSC, sui risultati del sondaggio.

Nel frattempo, oltre il 30% degli intervistati attualmente utilizza o prevede di utilizzare "piattaforme di valuta digitale", secondo il sondaggio.

HEAT MAP