Mindthechart CryptoBLog (Apple, Paypal, Coinbase, Bitcoin miner, Eth, Korean Won+molto altro)



UNO SGUARDO ALLO STOCK!

Top 30 Gme GIFs | Find the best GIF on Gfycat

Buongiorno a tutti Il mercato azionario si è spostato più in alto quando tutti i principali indici hanno chiuso in verde.

Il Russell 2000 è salito del 2% e il Nasdaq ha guadagnato lo 0,6%. 💪

I beni di consumo discrezionali e l'energia hanno entrambi strappato lo 0,90%. La sanità è stato il settore più debole, -0,60%.

I Memestocks sono tornati a pieno regime. Gamestop ha guadagnato il 16% mentre AMC è salito del 19%. 🚀🚀 Ecco il grafico giornaliero di $ GME:

Zscaler ha registrato un aumento del 12,4% dopo aver riportato i guadagni del terzo trimestre. 

Un tribunale olandese ha ordinato alla Shell di ridurre il 45% delle sue emissioni di carbonio entro il 2030 - una sentenza senza precedenti. Mentre il mondo si allontana dai combustibili fossili, il gruppo di attivisti Engine No.1 ha guadagnato almeno due seggi nel consiglio di Exxon, mostrando il sostegno degli investitori alla trasparenza aziendale. 🌎

Ecco le stampe di chiusura:

S&P 500 4.195 + 0,19%

Nasdaq 13.738 + 0,59%

Russell 2000 2.249 + 1,97%

Dow Jones 34,232   + 0,03%

COSA SUCCEDE NEL MONDO CRYPTO?

Smart Contract Security Newsletter #44 | by Shayan Eskandari | ConsenSys  Diligence | Medium

INDICE FUD E FOMO

  

L'annuncio Apple per il lavoro `` pagamenti alternativi '' segnala l'interesse per la criptovaluta

Apple Logo GIF - Apple Logo Bubbles - Discover & Share GIFs
La pubblicazione arriva mentre il produttore di iPhone si prepara silenziosamente per i pagamenti in bitcoin tramite l'app Wallet

Apple ha accennato a un crescente interesse per la criptovaluta, poiché cerca nuovi talenti per la sua divisione pagamenti. Il produttore di iPhone sta reclutando un responsabile dello sviluppo aziendale per "pagamenti alternativi", comprese le criptovalute, secondo un annuncio di lavoro pubblicato questa settimana. L'incomer, che siederà nella stessa squadra di Apple Pay e dell'app Wallet per iPhone, è incaricato di stringere nuove alleanze con "partner strategici di pagamento alternativi". Le qualifiche richieste secondo l'annuncio includono diversi anni di esperienza in criptovaluta, nonché altre forme di pagamento in rapida crescita come i servizi "acquista ora, paga dopo". Apple inizia a preparare in silenzio il supporto per effettuare pagamenti utilizzando bitcoin attraverso la sua app Wallet, il repository centrale dell'iPhone per carte digitali, biglietti e voucher. L' elenco dell'App Store per Coinbase, uno dei più grandi exchange di criptovalute, mostra che ora supporta Apple Wallet, sebbene non siano ancora stati rivelati dettagli su come funzionerà l'integrazione. Il sito web di Coinbase dice solo che "attualmente non supporta Apple Pay, ma speriamo di offrire presto un modo più veloce e sicuro per spendere criptovaluta agli utenti iOS".

L’annuncio: PayPal offrirà pieno supporto per tutte le operazioni in Bitcoin

La differenza è netta rispetto ai servizi che, per ora solo negli USA, PayPal offre già nel comparto delle criptovalute. Ad oggi possiamo comprare Bitcoin e poi rivenderli sempre tramite la piattaforma, oppure utilizzarli per pagare altri utenti. Non possiamo però inviarli verso altri wallet, per un’implementazione di Bitcoin che in molti hanno ritenuto monca. 

Correttamente, tra le altre cose. Perché così operando gli utenti sarebbero sempre dovuti sottostare ai prezzi – con un margine alto rispetto a quelli di mercato – praticati da PayPal. Ora invece gli utenti USA potranno acquistare Bitcoin tramite PayPal per poi spostarli verso altri exchange, oppure verso wallet privati. 

Un grandissimo passo avanti rispetto a quanto viene offerto ora – che potrebbe allargare la base di utenti di Bitcoin e spingere qualcuno ad un utilizzo pieno e non soltanto per acquisti di breve periodo. 


Coinbase punta ai clienti istituzionali e aumenta gli investimenti

L'importante exchange di criptovalute statunitense Coinbase  sta espandendo la sua offerta per gli investitori istituzionali con un servizio di prime brokerage, Coinbase Prime, basandosi sul suo precedente successo nell'attirare oltre 8.000 clienti in questo mercato a partire dallo scorso marzo, ha affermato la società.

Greg Tusar, Vice President for Institutional Product di Coinbase, ha affermato che "oggi stiamo raddoppiando il nostro impegno nel servire il mercato istituzionale in crescita lanciando la versione beta di Coinbase Prime, la nostra soluzione di prime brokerage completamente integrata che fornisce la migliore custodia, trading avanzato, analisi dei dati e servizi di prima qualità".

Il servizio sviluppato con il marchio Coinbase Institutional, è separato dall'exchange e mira a soddisfare il crescente interesse da parte degli investitori istituzionali.

In una lettera del 13 maggio agli azionisti, Coinbase ha affermato che, nel primo trimestre del 2021, i clienti istituzionali hanno generato asset per un valore di 122 miliardi di dollari sulla sua piattaforma, più degli investitori al dettaglio che hanno rappresentato 101 miliardi di dollari. Ciò significa che gli investitori istituzionali hanno rappresentato circa il 55% degli asset totali su Coinbase nell'ultimo trimestre.

Secondo Coinbase "il volume di trading per il primo trimestre del 2021 è stato di 335 miliardi di dollari, di cui circa 120 miliardi di dollari al dettaglio e 215 miliardi di dollari istituzionali".

L'exchange ha affermato che sta introducendo una gamma di nuove funzionalità per i clienti istituzionali tramite Coinbase Prime, tra cui:

  • trasferimenti "senza soluzione di continuità" tra il cold storage isolato e il bilancio di trading;
  • accesso a più di 10 sedi per consentire una profonda liquidità;
  • smart order routing che consiste nell'indirizzare automaticamente l'ordine dei clienti alla sede con ottimi prezzi;
  • algoritmi sviluppati per ridurre al minimo l'impatto e lo slittamento del mercato;
  • rapporti dettagliati di analisi dei costi commerciali per garantire la trasparenza su come è stato eseguito il trading
  • ruoli utente migliorati, permessi dettagliati e account secondari;
  • funzionalità cripto-native come lo staking e la governance;
  • supporto concierge dalla copertura dell' exchange, gestione dell'account e team di trading.

Nel frattempo, i primi tentativi di Coinbase di attirare i clienti istituzionali non avevano avuto altrettanto successo. Alla fine del 2018, l'exchange ha deciso di chiudere il suo Coinbase Index Fund, un paniere ponderato di asset digitali quotati sulla piattaforma, a causa della domanda inferiore al previsto da parte di investitori retail, accreditati e istituzionali.

Nell'aprile di quest'anno, tuttavia, l' exchange ha lanciato una notizia importante quando è stata quotata alla borsa del Nasdaq tramite un'offerta pubblica diretta (DPO) delle sue azioni sotto il simbolo "COIN".

Aveva debuttato a 381 USD, raggiungendo quasi 430 USD, mentre, secondo gli ultimi dati del Nasdaq, la sua precedente chiusura era di 242 USD.

Coinbase ha affermato recentemente che prevede di rafforzare il numero dei suoi utenti fino a 9 milioni entro la fine dell'anno finanziario convincendo gli investitori cripto a sceglierlo prima di altre piattaforme di trading.

Pechino intensifica la stretta: miner bloccano gli indirizzi IP continentali

La lotta della Cina con i miner di Bitcoin (BTC) sembra destinata a continuare, poiché due giocatori cinesi si sono mossi per limitare l'accesso dagli indirizzi IP della Cina continentale e uno dei più grandi hotspot di mining del paese fa dichiarazioni minacciose su possibili "interruzioni" del mining.

BitDeer, un gruppo di mining istituito dal co-fondatore di Bitmain Jihan Wu all'inizio di quest'anno, ha pubblicato un avviso sul suo sito Web affermando che a partire da questa sera (ora della Cina) bloccherà tutti gli accessi agli utenti con indirizzi IP della Cina continentale.

E secondo quanto riportato da Jiemian, Mars Cloud Mine sta anche promulgando un blocco sugli IP continentali, affermando che "sta prestando attenzione agli sviluppi e alle politiche pertinenti" e sta tentando di "garantire il continuo funzionamento della piattaforma".

La stessa dichiarazione di BitDeer era formulata in modo quasi identico in alcune parti, con riferimenti a "cooperare attivamente" con il sentimento normativo e agire al fine di garantire la "conformità" del più ampio settore del mining. L'azienda ha scritto:

"BitDeer bloccherà tutti gli IP dalla Cina continentale per garantire ulteriormente che la piattaforma non fornisca servizi ai residenti della Cina continentale".

Su Twitter, un utente ha affermato che solo gli indirizzi IP erano attualmente geograficamente bloccati, il che significa che gli utenti VPN dal continente erano ancora in grado di utilizzare i servizi Mars Cloud Mine.

Il partner di Multicoin Capital Mable Jiang ha offerto alcune analisi, scrivendo che "il dolore a breve termine è inevitabile" e che la regolamentazione del settore del mining" avrebbe avuto un impatto sul mercato", con un reale pericolo di "potenziale capitolazione" dei minatori.

Ha aggiunto che lo sviluppo potrebbe comportare un "cambio della guardia" per i miner cinesi, piuttosto che la fine del relativo mining di BTC come lo conosciamo. Jiang ha scritto:

"Stiamo [...] osservando un cambiamento di paradigma sistematico dalla "balena al dettaglio" alla "balena istituzionale". La differenza [tra] le due non è l'attuale detenzione dell'hashrate (perché entrambi potrebbero avere grandi hashrate in gestione), ma la capacità di coprire e gestire il rischio finanziario e l'arbitraggio di accesso ad esempio la fornitura di rig, i costi dell'energia elettrica e delle farm e le informazioni all'avanguardia sulla regolamentazione".

Indipendentemente da ciò, ci sono pochi dubbi sul fatto che la Cina stia ora puntando ai miner di criptovaluta, probabilmente per paura di essere troppo indietro rispetto al suo obiettivo di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060. Come riportato in precedenza, Pechino si è appoggiata ad alcune delle sue regioni più dipendenti dal carbone per tagliare le loro emissioni di carbonio con un grande picco della retorica anti-mining nei recenti comunicati stampa statali.

Alcuni sostengono che ci sono stati chiari segni di quello che sarebbe accaduto: ai focolai di mining come la regione autonoma Uigura dello Xinjiang è stato chiesto di essere in linea con gli obbiettivi di emissioni di carbonio all'inizio di quest'anno.

E uno di questi ha ora risposto con una bozza di proposta dalla Regione Autonoma della Mongolia Interna (IMAR) comprendente otto misure che limiterebbero gravemente le opzioni della maggior parte dei miner su larga scala nella regione. Ripubblicate da NBD, le proposte includono procedimenti penali per i fornitori di energia che non dichiarano di fornire energia alle società di mining, e la rimozione dello status legale speciale per i miner di cripto che si presentano come centri di Big Data.

È interessante notare che la bozza, redatta dalla commissione per lo sviluppo e la riforma dell'IMAR, contiene anche una proposta per chiudere gli internet cafè e le sale da gioco per PC che si sono riproposte come centri di mining più piccoli, una pratica che è diventata sempre più popolare in seguito della pandemia di coronavirus.

La retorica anti-mining è continuata negli ultimi giorni, con un rapporto di Xinhua che sostiene che la volatilità del mercato potrebbe aumentare ulteriormente il consumo di energia in Cina.

Tuttavia, ci sono suggerimenti che gli sforzi di Pechino per dominare il suo consumo di energia e raggiungere gli obiettivi di carbonio stiano causando scompiglio in Cina. Secondo la pubblicazione Liaowang di Xinhua (via Sina), alcune città hanno deciso di tagliare l'alimentazione all'illuminazione stradale e ai display LCD pubblici nel tentativo di ridurre il consumo di energia, mentre la perdita di posti di lavoro è possibile in altre parti della nazione.

I volumi di ETH superano quelli di BTC, l'Ethereum Trust di Grayscale presenta un premium dell'11%

Pare che l'interesse dei trader (sia retail che istituzionali) per Ethereum sia in forte crescita: il flippening potrebbe essere molto vicino

Ethereum sta assistendo a un rinnovato interesse dopo il recente crollo del mercato crypto: pare il volume di trading giornaliero di ETH abbia significativamente superato quello di BTC.

Ieri sera ha iniziato a circolare su Twitter uno screenshot di CoinGecko che mostra i volumi a 24 ore di Ether pari a 115 miliardi di dollari, mentre quelli di Bitcoin a soltanto 53 miliardi:

I volumi di ETH segnalati dall'exchange EXX erano infatti eccessivamente alti, a causa forse di wash-trading o di un errore nell'API.

Ora la piattaforma mostra che Ether presenta un volume del 20% superiore a quello di Bitcoin nelle ultime 24 ore, ovvero 60 miliardi di dollari per ETH e 50 miliardi per BTC.

Ciò non significa tuttavia che l'interesse per ETH non sia realmente aumentato. Ong ha infatti svelato che, sebbene nell'ultima settimana la pagina di CoinGecko dedicata a Bitcoin abbia registrato il 75% di visite in più rispetto a quella di Ethereum, ieri il divario si è fortemente ridotto:

"Nelle ultime 24 ore, la nostra pagina su Bitcoin ha ricevuto circa il 60% di traffico in più rispetto a quella su Ethereum. Ma per quanto riguarda le query di ricerca, Bitcoin ha ricevuto soltanto il 7% di query in più rispetto ad Ethereum."

L'aumento dell'attività di trading e dell'interesse per Ethereum è coinciso con un altro dato molto promettente per la criptovaluta: attualmente l'Ethereum Trust (ETHE) del fund manager istituzionale Grayscale presenta un sovrapprezzo dell'11% rispetto ai valori spot. Al contrario, il Bitcoin Trust della compagnia viene scambiato a sconto sin da marzo: questi dati sembrano suggerire che le istituzioni si stiano lentamente spostando da BTC a ETH.

"È questo che voglio dire, ETH sia sugli exchange spot che su quelli istituzionali (Grayscale) sta superando BTC in termini di volume.

Anche la struttura di mercato di ETH è più rialzista rispetto a quella di BTC.

Date anche un'occhiata ai commenti di Goldman e di altri investitori istituzionali, e capirete dove si sta spostando il denaro."

Il tweet fa riferimento a un rapporto di Goldman Sachs recentemente trapelato in rete, in cui il colosso bancario statunitense afferma che Ether ha "un'alta probabilità di superare Bitcoin come riserva di valore dominante".

In particolare, il report evidenzia la fiorente crescita degli ecosistemi DeFi e NFT basati su Ethereum, così come il dominio di ETH su BTC dal punto di vista dei volumi:

"'Ether batte Bitcoin come riserva di valore. L'ecosistema Ethereum offre agli sviluppatori un modo per creare nuove app. La maggior parte delle app DeFi viene realizzata su Ethereum. Il maggior numero di transazioni in Ether che in Bitcoin rispecchia questo dominio' - Goldman Sachs Global Macro Research"

Naver, Kakao, LG "presenteranno un'offerta" al progetto pilota CBDC sudcoreano

La Bank of Korea (BOK), la banca centrale della Corea del Sud, è pronta a lanciare il pilot del suo prototipo di Korean won (KRW) digitale a partire da agosto; il paese sta velocizzando i suoi piani di adozione della valuta digitale della banca centrale (CBDC). Inoltre sembrerebbe che tre dei più grandi giganti tecnologici della nazione siano desiderosi di partecipare.

Sia Naver, il più grande motore di ricerca della nazione e il fondatore della chat-app Line (la piattaforma dominante in Giappone) e il gigante di chat-app nazionale Kakao, sono pronti a partecipare, secondo un articolo di Money Today. Anche il conglomerato LG vuole presentare un'offerta.

Il media ha affermato che un consorzio comprendente il braccio finanziario di Naver, Naver Financial, e la società di blockchain Unchain erano pronti a esprimere il loro interesse ed aderire al progetto, con un processo di offerta impostato per iniziare le settimane a venire.

Anche il braccio di pagamenti elettronici di Kakao, Kakao Pay, e la sua sussidiaria di blockchain Ground X presenteranno un'offerta congiunta, così come un consorzio composto da Shinhan Bank e il fornitore di servizi IT gestito da LG, LG CNS. Altri probabili offerenti includono la rivale di Shinhan KEB Hana Bank e il Centro di Ricerca per Criptovaluta & Blockchain dell'università tecnologica di Pohang gestito da POSTECH.

La banca centrale ha affermato che il suo progetto pilota non indica "un emissione imminente", aggiungendo che non vi è "urgente necessità".

Il progetto pilota durerà fino a dicembre, con una seconda fase più espansa che seguirà l'anno prossimo, anche se la banca deve ancora impegnarsi a lanciare un token. È opinione diffusa che Seoul assicuri di non perdere il passo con i suoi vicini Giappone e Cina, che stanno entrambi andando avanti con i propri progetti pilota.

Il progetto pilota di Pechino ora comprende quasi tutte le città più ricche e gli hotspot tecnologici della nazione - ed è destinato a raggiungere il completamento in tempo per il lancio durante o prima delle Olimpiadi invernali del 2022 nella capitale.

TV Chosun ha riferito che il primo progetto pilota del BOK si concentrerà sugli aspetti di gestione del portafoglio elettronico, nonché su exchange, depositi, rimesse e accordi.

La seconda fase del progetto pilota, allo stesso tempo, si concentrerà su "funzioni estese come le rimesse transfrontaliere" e sul "rafforzamento" dei protocolli relativi ai dati con un'enfasi sulla "protezione delle informazioni personali". Il BOK spera di completare questa seconda fase entro giugno 2022.


SLIP QUOTIDIANI

DIVIETO DI MINING IN MONGOLIA + ALTRE NOTIZIE!

  • MONGOLIAN MINING: la più grande agenzia di pianificazione economica cinese ha pubblicato una bozza di linee guida su come vietare il mining di criptovalute nella regione autonoma della Mongolia Interna. La linea guida include specifiche sul monitoraggio e la punizione di aziende e individui coinvolti nel mining di criptovalute, e molti lo vedono come un avanzamento su un divieto introdotto per la prima volta nel 2019.
  • STRATEGIA DEGLI STANDARD: Il CEO di MicroStrategy Michael Saylor ha affermato che il Bitcoin Mining Council che ha istituito con Elon Musk è progettato per "gestire le preoccupazioni, in particolare da parti non informate" sull'utilizzo di energia della criptovaluta. Parlando a Consensus, Saylor ha affermato che il consiglio è un'organizzazione libera di minatori che formerà gli standard del settore sulla pubblicazione dei dati sull'utilizzo dell'energia e sulla difesa delle energie rinnovabili.
  • CASO D'USO NEL MONDO REALE: Il fondatore di TechCrunch Michael Arrington sta vendendo un appartamento a Kiev tramite un token non fungibile (NFT). Arrington ha acquistato l'appartamento nel 2017 tramite la piattaforma immobiliare Propy, utilizzando Ethereum e smart contract per concludere l'affare. In segno di come il settore si è evoluto negli ultimi quattro anni, Propy metterà all'asta la stessa proprietà, ma questa volta come NFT garantito da proprietà immobiliari. Il prezzo di partenza è di $ 20.000.
  • ABBONAMENTO MEDIA? Gli artisti digitali russi venderanno NFT per sostenere Meduza, un media designato come "agente straniero" dal Cremlino. Ottantuno artisti provenienti da Russia, Ucraina, Bielorussia e Kazakistan parteciperanno alla creazione di due collage, fatti di videoclip e immagini dedicate a Meduza. Gli NFT saranno venduti su Rarible il 27 maggio.

HEAT MAP