MindTheChart CryptoBlog: Report Giornaliero (TESLA, Caduta, MoneyGram, Eth, Uniswap + altro)

 


 

UNO SGUARDO ALLO STOCK! 

Le azioni sono andate in fumo 💨

25 Years of Toy Story: Relive the wonder with 25 great moments | Disney  Australia

Buona giornata a tutti. Il mercato azionario ieri ha avuto uno dei giorni peggiori del 2021! 

L'S & P 500 ha avuto il suo peggior giorno dal 25 febbraio 2021.

Ecco la mappa termica dell'S & P 500: oof. 🥵

Ogni indice principale è sceso a cascata più in basso. Le small cap hanno perso più del 3,3%, seguite dal brutto -2,67% del Nasdaq. Il Nasdaq Composite è cresciuto solo dell'1,11% nel 2021. 😳

L'energia è stato l'unico settore a stabilirsi in territorio positivo. $ XLE è salito del ~ 3,5%, per poi chiudere il + 0,48% nel corso della giornata. Il consumo discrezionale è sceso del 3,4%, seguito dal calo del 2,8% della tecnologia.

Comunicazioni, servizi pubblici, industria, proprietà immobiliari e materiali di base sono tutti crollati di oltre il 2%.

Le Crypto ha avuto una giornata pazza. 🤪 Bitcoin ha registrato un crollo del -4,5%. Ethereum è sceso del 3%. E Shiba è stato criticato quando il fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, ha inviato $ 1 miliardo a un fondo di soccorso COVID indiano. Ma questo è nulla tra poco ci torniamo. 

Tesla è crollata del 4,42% chiudendo al prezzo più basso dall'8 marzo 2021. Il produttore di veicoli elettrici di Elon manterrà la linea? O il " supporto " è una cortina fumogena? Ecco il grafico giornaliero:


Ecco le stampe di chiusura:

S&P 500 4.063  -2,14%

Nasdaq 13.031   -2,67%

Russell 2000 2.235 -3,26%

Dow Jones 33.587 -1,99%


COSA SUCCEDE NEL MONDO CRYPTO?
Notizie in Primo piano ! ! !
Benvenuto All'inferno! "BTC"



TSLA dumpa le  POW = Bullish per ETH 2.0? O TSLA Sta preparando la sua coin?

Fino a $ 365 miliardi obliterati dal  mercato delle criptovalute dopo che Tesla ha interrotto gli acquisti di auto con bitcoin
Elon musk boring GIFs - Get the best gif on GIFER

Centinaia di miliardi di dollari sono stati spazzati via dall’intero mercato delle criptovalute dopo che il CEO di Tesla Elon Musk ha twittato che il produttore di veicoli elettrici avrebbe sospeso gli acquisti di auto utilizzando bitcoin .

Verso le 6:06, ora di Singapore, giovedì, quando Musk ha fatto l’annuncio, il valore dell’intero mercato delle criptovalute si è attestato a circa $ 2,43 trilioni, secondo i dati di Coinmarketcap.com.

Intorno alle 8:45, la capitalizzazione di mercato era scesa a circa $ 2,06 trilioni, cancellando circa $ 365,85 miliardi. Il mercato ha ridotto alcune perdite. Dal tweet di Musk,

A febbraio, Tesla ha annunciato in un documento normativo di aver acquistato $ 1,5 miliardi di bitcoin e ha pianificato di accettare la criptovaluta per i pagamenti.

Musk ha citato le preoccupazioni ambientali e ha detto che Tesla è “preoccupata per il rapido aumento dell’uso di combustibili fossili per l’estrazione e le transazioni di Bitcoin, in particolare il carbone, che ha le peggiori emissioni di qualsiasi combustibile”.



Bitcoin non è emesso da una singola entità come una banca centrale. Invece, è gestito da una rete di cosiddetti “minatori”. Questi minatori utilizzano computer costruiti appositamente che richiedono molta energia per risolvere complessi enigmi matematici affinché le transazioni bitcoin possano andare a buon fine. Il consumo di energia di Bitcoin è maggiore di quello di alcuni singoli paesi.

Musk è stato un grande sostenitore delle valute digitali tra cui bitcoin e dogecoin , contribuendo a far aumentare i loro prezzi negli ultimi mesi.

Il CEO di Tesla ha affermato che la società non venderà alcun bitcoin e intende utilizzarlo per le transazioni “non appena il mining passerà a un’energia più sostenibile”.

Bitcoin ha raccolto interesse nell’ultimo anno, poiché aziende come Square e Tesla hanno annunciato acquisti di bitcoin e grandi investitori istituzionali sono entrati nello spazio delle criptovalute. Le principali banche di investimento come  Goldman Sachs  e  Morgan Stanley  hanno anche cercato modi per consentire ai loro ricchi clienti di ottenere un’esposizione ai  bitcoin .

Bitcoin utilizza un meccanismo di "Proof of work", La dichiarazione di Musk si concludeva dicendo che Tesla stava "guardando altre criptovalute che utilizzano <1% dell'energia / transazione di bitcoin" - un commento che potrebbe fornire un indizio su quali dell valute digitali che utilizzano altri modi  per convalidare le transazioni.

Ether, la seconda criptovaluta più preziosa, ha detto che stava passando a un metodo alternativo noto come "proof of stake", che non dipende dallo stesso metodo assetato di energia .

Oppure Tsla sta pensando di creare la propria valuta digitale per salvaguardare l'ambiente? 

Ecco a voi una lista delle POS 

Top 20+ Proof-of-Stake Coins & Tokens by Market Cap | CoinCodex


MoneyGram passa a Bitcoin dopo aver concluso la partnership con Ripple

La grande società di trasferimento di denaro statunitense MoneyGram ha collaborato con Coinme, azienda di chiosch bitcoin (BTC), per facilitare l'acquisto e la vendita di questa criptovaluta più popolare con contanti attraverso una rete che comprende migliaia di nuovi punti vendita negli Stati Uniti e mercati esteri selezionati quest'anno.

Alex Holmes, Presidente e CEO di MoneyGram, ha riferito in una dichiarazione che questa alleanza "apre la nostra attività a un segmento di clienti completamente nuovo poiché siamo i primi a sperimentare un modello cripto-denaro costruendo un ponte con Coinme per connettere bitcoin alla valuta fiat locale ”.

Secondo il comunicato, nella seconda metà del 2021 la partnership mira ad espandersi per selezionare mercati esteri. Le società stimano che attualmente ci sono circa 20.000 chioschi di criptovaluta nel mondo che renderebbero la loro impresa un potente attore di mercato. L'attenzione di MoneyGram sulle transazioni transfrontaliere potrebbe rafforzare ulteriormente il punto d'appoggio della partnership sui mercati esteri.

Neil Bergquist, CEO di Coinme, ha commentato che integrando l'infrastruttura globale di MoneyGram "con la nostra tecnologia di exchange di criptovalute con licenza, possiamo consentire l'acquisto e la vendita di criptovalute attraverso il suo sistema utilizzando contanti".

L'integrazione raggiunta tra MoneyGram e Coinme “fornirà un modo semplice e veloce per i clienti di acquistare bitcoin in contanti e prelevare bitcoin in contanti. È appositamente progettato per i clienti che potrebbero essere interessati a utilizzare bitcoin per la prima volta ", afferma il comunicato.

Bergquist ha dichiarato a Cryptonews.com che, a partire da oggi, Coinme sta lanciando circa 12.000 punti vendita in cui i clienti saranno in grado di acquistare e vendere bitcoin in contanti in selezionate sedi MoneyGram negli Stati Uniti.

Ha riferito il CEO che “il nostro lancio completo di MoneyGram negli Stati Uniti includerà oltre 20.000 sedi e dovrebbe essere pienamente operativo nelle prossime settimane. Abbiamo in programma di lanciare il servizio MoneyGram a livello internazionale subito dopo ". "Attualmente, i nostri chioschi Coinstar abilitati a Coinme sono disponibili in oltre 6.000 località in 47 stati".

L'ultimo sviluppo arriva dopo che Ripple, affiliato a XRP, ha annunciato la fine della sua partnership con MoneyGram. In base all'accordo scaduto, MoneyGram utilizzava il token XRP negli accordi di regolamento internazionali. Tuttavia, a seguito dei problemi legali di Ripple con la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, l'attività di trasferimento di denaro sta ora affrontando una causa legale collettiva basata su un'accusa secondo cui la società ha rilasciato dichiarazioni false e / o fuorvianti sulla sua partnership con Ripple e  sullo stato legale di XRP.

Il grande esodo del mondo tech: la blockchain di Ethereum è la nuova San Francisco

La fuga da Ethereum verso blockchain alternative ricorda molto l'esodo dei talenti tech, che da San Francisco si dirigono verso i nuovi centri emergenti

Chi non ricorda la "bolla tecnologica della Silicon Valley"? Nella prima metà degli anni 2000, l’area di San Francisco Bay ha dato vita ad alcune delle aziende tecnologiche più leggendarie e di successo che il mondo abbia mai conosciuto. Facebook, Google, Salesforce, Twitter, Tesla, Lyft! Secondo l’opinione di molti però, l'attuale San Francisco ha ormai perso gran parte del suo fascino. In tutta la città il costo della vita continua a salire vertiginosamente: i cittadini rimasti ormai faticano ad arrivare a fine mese e sono alla costante ricerca di luoghi più economici in cui vivere. Se San Francisco è diventata invivibile per la classe operaia, allo stesso modo non è più sostenibile – e tanto meno rappresenta la sede ideale – per molte aziende, sia nuove che già esistenti. Sebbene sia qui che sono nate le prime piattaforme tecnologiche, il sovraffollamento e l’elevato costo della vita stanno minando la reputazione e il bel ricordo di quello che un tempo questa città era in grado di offrire.

Lungi da noi voler denigrare San Francisco: piuttosto, vogliamo puntare i riflettori sulla città che sta diventando la San Francisco 2.0, ovvero Austin, in Texas. Più economica e di classe, Austin sta attraendo a sé un numero sempre crescente di aziende affermate e talenti provenienti da San Francisco. Ti ricorda qualcosa? La comunità blockchain è al centro di una fase di cambiamento molto simile.

Se sei uno sviluppatore, Ethereum rappresentava la tua San Francisco: era lì che dovevi operare per poter crescere. Ethereum ospita molte delle app decentralizzate più importanti oggi disponibili e ha posto le basi per lo sviluppo degli smart contract. L'Ethereum di oggi però appare molto diverso da com’era una volta.

Proprio come la città di San Francisco, Ethereum sta diventando troppo affollato e ed eccessivamente costoso per trattenere la sua popolazione attuale. La limitata scalabilità costringe i suoi utenti a esplorare opzioni alternative per aggirare i prezzi eccessivi del gas ed evitare la congestione della rete. Per riprendere l'analogia: gli sviluppatori sono alla ricerca della loro Austin.

Nell'ecosistema delle blockchain, l'equivalente di Austin può essere ritrovato in chain altrettanto interessanti come Solana, Binance Smart Chain o Polkadot, per citarne solo alcune. L'ascesa dei token non fungibili (NFT) ha portato alla ribalta anche network più giovani, come Flow.

Gli sviluppatori iniziano a guardare altrove

Una precisazione sugli NTF: sebbene questi stiano guadagnando popolarità, la finanza decentralizzata rimane al centro dell'ecosistema delle criptovalute. Proprio l’ascesa costante della DeFi ha portato alla luce – tra gli altri – due concetti critici:

  • La finanza decentralizzata attirerà (molto probabilmente) gran parte del capitale istituzionale.
  • Ethereum non è più in grado di gestire la crescita dell'economia decentralizzata.

Per questo motivo, le chain che si pongono come alternative a Ethereum stanno catalizzando più attenzione che mai da parte degli sviluppatori. Abbiamo visto chain come Polkadot, Moonbeam, Polygon, Binance Smart Chain e Solana non solo sfidare Ethereum ma addirittura essere in grado di conquistare gli stessi sviluppatori. 

Rimane aperta la possibilità che i developer, invece di abbandonare completamente Ethereum, stiano semplicemente testando queste chain alternative. Forse qualche sviluppatore non ha rinunciato del tutto al suo appartamento da 3.500$ al mese a San Francisco, ma lo ha semplicemente dato in subaffitto dopo essersi trovato una stanza ad Austin tramite Airbnb. 

Ovviamente l'elenco dei rivali di Ethereum non finisce qui: una pletora di altre chain stanno pian piano guadagnando terreno. Allo stesso modo, Austin non è l'unica destinazione più richiesta: Miami, Denver e Toronto sono a braccia aperte, pronte per accogliere i nuovi arrivati dall’area di San Francisco.

Le possibili implicazioni nel lungo termine

Sempre più sviluppatori stanno focalizzando la loro attenzione sulle nuove chain, alla ricerca di un modo per sfuggire alle gas fee elevate. Viene spontaneo quindi chiedersi se questa potrebbe diventare la nuova normalità o si tratti semplicemente di una fase sperimentale.

In questo momento è difficile prevedere se gli sviluppatori autonomi si stiano spostando verso nuovi network solo come soluzione temporanea per mitigare i prezzi del gas, o se invece queste chain potrebbero essere le loro nuove dimore anche nel lungo termine. Di una cosa possiamo essere certi: le reti alternative stanno minacciando il monopolio dello sviluppo detenuto per così tanto tempo da Ethereum.

Tra i fattori più significativi in questo senso c’è la presentazione di Ethereum 2.0. La soluzione aggiornata promette di aumentare l'efficienza e la scalabilità della rete Ethereum, alleviando i punti dolenti che risultano più urgenti da risolvere al momento. 

Allo stesso tempo, negli ultimi mesi San Francisco ha registrato il più grande calo degli affitti in tutto il Paese: i costi all’inizio di quest’anno sono scesi del 23%. Anche San Francisco sta pertanto cercando di attirare sempre più persone offrendosi nella sua nuova versione "2.0". 

C’è una domanda ora che attanaglia sia Ethereum che San Francisco: tutto questo sarà sufficiente?

Sebbene il numero degli sviluppatori su Ethereum sia un po’ più difficile da determinare, abbiamo già visto che il numero di nuovi arrivati ​​a San Francisco è diminuito del 21%. Allo stesso modo, Ethereum potrebbe correre il rischio di perdere definitivamente la sua clientela a favore di chain alternative, se non affronterà e risolverà nell’immediato futuro i suoi punti critici.

Ethereum e San Francisco hanno entrambi rappresentato la chiave di volta per lo sviluppo dei rispettivi ecosistemi. I loro progetti costituiscono la base su cui le nuove ed entusiasmanti alternative di oggi vengono costruite e continuamente modificate.

Mentre la comunità blockchain si riversa verso soluzioni alternative e i cittadini di San Francisco si preparano al trascolo, sorge spontanea una domanda: in quale blockchain risiedi? Spero in una blockchain con un network poco intasato, tariffe più competitive e la capacità di gestire in maniera efficiente un afflusso di nuovi arrivati. Se così non fosse, potrebbe essere arrivato il momento di valutare un cambiamento.

Uniswap supera Bitcoin in termini di entrate giornaliere

Le commissioni distribuite ai fornitori di liquidità su Uniswap hanno superato le entrate del network di Bitcoin

Uniswap ha sorpassato Bitcoin in termini di commissioni giornaliere generateper due giorni di fila.Il "flippening" delle commissioni è stato segnalato dal blogger crypto Evan Van Ness citando i dati di CryptoFees, un sito web che confronta le commissioni giornaliere generate dai principali network blockchain:

“Uniswap ha superato ampiamente Bitcoin in termini di commissioni. Non mi sorprenderebbe se in futuro la classifica dei market cap diventasse 1) $ETH 2) $UNI 3) $BTC.”

Il fondatore di Uniswap, Hayden Adams, ha subito commentato in merito al traguardo:

“Le commissioni agli LP su Uniswap v2 hanno finalmente superato le commissioni sul network di Bitcoin nella media a 7 giorni. Sarebbero ancora più alte se CryptoFees includesse la v3.”

Al momento della stesura, il sito web indica chenelle ultime 24 ore Uniswap ha generato 7,1 milioni di dollari in commissionirispetto ai 4,6 milioni generati da Bitcoin.Anche se un milione di critici ha immediatamente attribuito il sorpasso alle gas fee elevate su Uniswap, Adams ha precisato chele entrate in questione riguardano in realtà le commissioni di scambio pagate ai fornitori di liquidità, non le gas fee. Infatti, le gas fee in ETH generate da Uniswap sono esponenzialmente più elevate dei costi di transazione su Bitcoin:

“Queste sono le commissioni di scambio pagate agli LP, non commissioni del network pagate ai miner di Ethereum (le commissioni elevate di cui si lamenta la gente).”

Secondo il sito, Uniswap ha superato Bitcoin per due giorni di fila in termini di commissioni distribuite ai fornitori di liquidità. Anche la media a 7 giorni per l’exchange decentralizzato è più alta di quella di Bitcoin, con 5,9 milioni di dollari rispetto a 5,3 milioni.Tuttavia, Ethereum è molto più in alto sia di Uniswap che di Bitcoin, con commissioni giornaliere di circa 117 milioni di dollari a causa dei prezzi del gas a massimi storici.In un altro tweer, Adams ha affermato che la scalabilità su layer-two è assolutamente necessaria per Ethereum, rivelando chesolo oggi gli utenti di Uniswap hanno speso circa 42 milioni di dollari in gas fee, “somma quasi 5 volte più grande rispetto alle commissioni sul network di Bitcoin nello stesso periodo.”Il lancio della versione 3 di Uniswap, avvenuto il 5 maggio, è stato accolto da una raffica di critiche dovute alle gas fee ancora più alterispetto all’iterazione precedente della piattaforma.Una versione layer-two basata su Optimism verrà lanciata a breve.Stando ai dati di Bitinfocharts, i prezzi medi del gas hanno raggiunto unmassimo record di 68$. Eth Gas Station indica che attualmente i costi per operazioni più complesse, come interazioni con smart contract o scambi di token su DEX, superano i 200$.Molte delle risposte al tweet di Adam chiedono quando Uniswap introdurrà la scalabilità layer-two. Lo YouTuber Lark Davis ha commentato:

“Fantastico, ora implementa una soluzione di scalabilità layer-two per consentire agli utenti non ricchi di usare Uniswap. Polygon è pronto e in attesa. Aave, Curve, Sushi, PoolTogether lo usano già. Mancano ancora mesi a Optimism, perché aspettare?”


SLIP QUOTIDIANI

Aumento dell'inflazione, Bitcoin Racing Car, Digital Dolar + Altre notizie
  • L'inflazione negli Stati Uniti sta aumentando più del previsto. L'indice dei prezzi al consumo (CPI) è salito al 4,2%, il doppio rispetto alla proiezione più alta in un sondaggio di Bloomberg sugli economisti.

  • Jack Mallers, fondatore della startup statunitense Zap Lightning Bitcoin (BTC), ha affermato che "la prima Bitcoin Car al mondo" correrà alla 105a edizione della 500 Miglia di Indianapolis il 30 maggio. "Il pilota automobilistico della futura hall of fame Ed Carpenter di Ed Carpenter Racing ha perso tutti gli sponsor quest'anno e insieme stiamo rompendo il tradizionale modello di sponsorizzazione ", ha detto Mallers.

  • La Federal Reserve Bank di Boston sta conducendo ricerche sulla tecnologia che potrebbe essere utilizzata per creare un'ipotetica valuta digitale attraverso un progetto congiunto con la Digital Currency Initiative del MIT.

  • Solana Foundation ha dichiarato di aver collaborato con Hacken Foundation, Gate.io, Coin DCX e BRZ per lanciare tre fondi di investimento strategici che porteranno 60 milioni di dollari di nuovo capitale all'ecosistema Solana (SOL).

  • Bitwise Asset Management ha dichiarato di aver lanciato l'ETF Bitwise Crypto Industry Innovators (NYSE: BITQ).

  • Il prodotto negoziato in borsa (ETP) della holding Iconic Fund, denominato Physical Bitcoin ETP, è quotato oggi sulla piattaforma Xetra di Deutsche Börse.

  • La società brasiliana di gestione del denaro focalizzata su criptovalute, Hashdex Gestora de Recursos Ltda, ha raccolto 26 milioni di dollari in un round di finanziamento guidato da Softbank Group e Coinbase.

  • La banca sudcoreana NongHyup (NH) ha seguito l'esempio con la rivale Woori Bank nel porre limiti alle rimesse in contanti mentre il commercio di BTC legato al premio kimchi continua tra le pressioni del governo sulle banche affinché intervengano.

  • La Camera dei rappresentanti del Texas ha approvato un disegno di legge che riconoscerebbe le criptovalute ai sensi del diritto commerciale e ora è passata al Senato del Texas per gli emendamenti e un potenziale voto finale.

  • L'ente fiscale argentino ha chiesto che gli exchange di criptovalute nel paese inviino dati commerciali ai funzionari fiscali, poiché la nazione si prepara a diventare l'ultima a iniziare a dare la caccia agli evasori fiscali che commerciano criptovalute.

  • Nel frattempo, l'Ungheria prevede di tagliare la tassa sui guadagni in criptovaluta del 50% a partire dal prossimo anno nel tentativo di incoraggiare gli investitori a dichiarare i redditi dal trading di criptovalute.

  • Gli scambi criptografici giapponesi TaoTao e BITpoint hanno ottenuto il riconoscimento ufficiale come fornitori di servizi finanziari di "prima classe" riconosciuti dal governo.

  • La piattaforma Cryptoasset Crypto.com è diventato il primo servizio di questo tipo a ricevere la licenza Class 3 Virtual Financial Assets (VFA) dalla Malta Financial Services Authority (MFSA).

  • Bitrue ha dichiarato di aver istituito un nuovo fondo di investimento del valore di 50 milioni di dollari.

  • Gli ex dirigenti dell'exchange di criptovalute BitMEX dovranno affrontare un processo il 28 marzo 2022 con l'accusa di riciclaggio di denaro e violazione del Bank Secrecy Act, secondo quanto riportato dalla Legge360.

HEAT MAP